Home hungrypromotion Primo Piano Marco Gesualdi pubblica l'album "Ho piantato un albero” che verrà presentato a Napoli il 6 maggio con un live presso "PLANTA: il giardino e non solo".
Home hungrypromotion Primo Piano Marco Gesualdi pubblica l'album "Ho piantato un albero” che verrà presentato a Napoli il 6 maggio con un live presso "PLANTA: il giardino e non solo".

Marco Gesualdi pubblica l'album "Ho piantato un albero” che verrà presentato a Napoli il 6 maggio con un live presso "PLANTA: il giardino e non solo".

MARCO GESUALDI
live showcase
Sabato 6 maggio
PLANTA: il giardino e non solo
la mostra dedicata al florovivaismo
Orto BotanicoNapoli
Ingresso libero
inizio ore 16

Il 5 maggio esce "Ho piantato un albero" il nuovo album del compositore Marco Gesualdi che viene pubblicato dalla Clapo Music/Marechiaro Edizioni Musicali e distribuito in formato fisico da Egea Music e in digitale da Believe.
Sabato 6 maggio, in occasione della XI edizione di "Planta, il giardino e non solo", Marco Gesualdi presenterà il suo terzo album presso l'Orto Botanico di Napoli


(Marco Gesualdi - ph. credit Toty Ruggieri)

Ritorno discografico in grande stile per l'ex 666 Marco Gesualdi. Dopo quattro anni dall'album "NOW Naples Open Words" il chitarrista e compositore strumentale partenopeo torna con un lavoro ricco di collaborazioni. 
L'album intitolato "Ho piantato un Albero" sarà pubblicato il 5 maggio dalla Clapo Music/Marechiaro Edizioni Musicali del produttore Claudio Poggi, in collaborazione con il Centro Musica Yellow Submarine, ed è anticipato dall'omonimo brano che vede la partecipazione di Simona Boo (voce dei 99 Posse, Comoverao, Passione tour) e Maurizio Capone (leader dei BungtBangt). 
Ascoltalo al link seguente: https://www.youtube.com/watch?v=kSLyUba3v74

"Ho piantato un Albero" verrà presentato con un concerto sabato 6 maggio in occasione della manifestazione "Planta, il giardino e non solo"; evento dedicato alle piante e all'ambiente curato dall'Università Federico II che si svolge presso l'Orto Botanico di Napoli
Il live showcase, introdotto dal giornalista Michelangelo Iossa, sarà ad ingresso libero con inizio alle ore 16 e si preannuncia come una grande festa della musica e della natura, in uno dei luoghi più suggestivi e affascinanti di Napoli. 

Il concerto sarà arricchito dalla presenza di special guest che hanno collaborato alla stesura dei brani, tra questi troviamo la cantante Simona Boo, il percussionista e cantante eco pioneer Maurizo Capone.

Gli undici brani che compongono "Ho piantato un albero" sono stati scritti con l'intento di dare voce al valore della natura e ad un "ecosistema interiore", Marco si propone come "giardiniere dell'anima" concept nato da un profondo momento di riflessione, proiettato verso la ricerca dell'essenza.
L'album è caratterizzato da un mood sonoro originale e coinvolgente, che spazia dal pop al jazz, dall'acustico all'elettronico e come afferma lo stesso Gesualdi: "le canzoni sono undici giovani alberi per dare riparo, frutti, radici e aria buona per tutti". 

I brani rappresentano un "gesto-azione", hanno la funzione di radice ma anche di antenna, con vibrazioni che ondeggiano tra terra e cielo come dal profondo dell'anima fino ad arrivare al metafisico. Insomma è un disco di canzoni, molte di queste nate da una collaborazione creativa con altri musicisti come Rossella RizzaroEleonora GesualdiSilvia RomanoMaria Pia De Vito e Marcello Coleman. E ancora con Simona Boo, Maurizio Capone dei BungtBangt, che ha cantato e suonato le percussioni da lui inventate, Francesco Paolo Manna ha percosso i tamburi a cornice e le percussioni etniche; Francesca Diletta Iavarone suona il flauto traverso, Riccardo Veno il sax soprano, Paolo Licastro il sax tenore, Gianfranco Campagnoli la tromba e il flicorno, Michele Signore la viola e la lira pontiaca, Gianni Guarracino la chitarra flamenca, Enzo Caponnetto la chitarra elettrica, Roberthinho Bastos le percussioni brasiliane, Enrico Del Gaudio la batteria, e sempre alla batteria, ospiti in due brani, Carmine Brachi Carletto di Gennaro che ha curato anche il mix. Alle tastiere Giosi Cincotti, e in un brano Lello Petrarca, mentre al basso Guido Russo e in un brano Roberto Giangrande. Nei testi Marco ha collaborato anche con Carlo ProcopeMaria Totaro, e Alessandro Pacella. La grafica di copertina è stata curata da Ester Santamaria, il mastering è di Bob Fix.
Il disco è dedicato a Lucio Lo Gatto.



Cenni biografici:
Marco Gesualdi è Diplomato in Composizione Multimediale presso il Conservatorio di Napoli. Ha cominciato professionalmente negli anni 80 con la band 666, partecipando alla stagione della "Vesuwave" con un discreto successo, incidendo dischi e partecipando a festival, programmi televisivi, e addirittura un film.. (Blues Metropolitano).
Ha conosciuto e collaborato con diversi artisti del Neapolitan Power (movimento musicale degli anni 70/80), e lavorato nell'ambito teatrale come musicista e arrangiatore.
Ho piantato un Albero è il terzo disco che pubblico da solista e nasce con la collaborazione e coproduzione artistica di Claudio Poggi.
Precedentemente ha pubblicato l'Ep "Lottatore" pubblicato nel 2001 dalla polosud records successivamente gli album "Open Heart" pubblicato nel 2015, e "NOW Naples Open Words" del 2019 entrambi per la Clapo Music/Marechiaro Edizioni Musicali.
Marco Gesualdi è un cantautore strumentale e dichiara: "a volte sento che la musica da sola già basta ma poi arrivano le parole e nascono le canzoni…".